I differenti metodi di approvvigionamento in Additive Manufacturing

Home > Blog > I differenti metodi di approvvigionamento in Additive Manufacturing

Produzione in Additive Manufacturing

I dati di mercato dimostrano come le tecnologie di fabbricazione additiva stiano progressivamente uscendo dall’ambito della sola prototipazione, arrivando a fornire risposte sempre più efficaci anche per le produzioni in serie I motivi? Sono strettamente legati ai vantaggi che si possono ottenere da queste metodologie, pur variando da caso in caso.
Il principale plus riguarda il fatto che l’Additive Manufacturing, in generale, consente di risolvere problematiche produttive estremamente complesse provenienti da un numero sempre più ampio di settori di mercato. 
 Da qui lo sviluppo progressivo delle tecniche di stampa 3D che si stanno adattando ad ogni tipo di realtà produttiva.  

Additive Manufacturing: i vantaggi dell’outsourcing

 

Produzione in Outsourcing


Sicuramente avviare internamente una produzione additiva presenta dei costi, seppure mediamente inferiori rispetto alla predisposizione di macchine per la produzione secondo i canoni tradizionali. Da qui la crescita dell’outsourcing in merito alle tecnologie additive, un fenomeno spinto da più fattori:

Accesso a competenze specializzate: la produzione additiva richiede conoscenze e competenze specifiche per la progettazione e la gestione del processo di stampa 3D.  Attraverso l'outsourcing, le aziende possono accedere a fornitori specializzati che hanno l'esperienza e le competenze necessarie per ottenere risultati ottimali. Questo consente di superare la curva di apprendimento iniziale oltre a garantire una produzione efficiente e di alta qualità.
 
Riduzione dei costi di investimento: come anticipato l'acquisto di attrezzature e macchinari per l'Additive Manufacturing può richiedere investimenti significativi. Attraverso l'outsourcing, le aziende sono messe nelle condizioni di evitare di impegnare risorse finanziarie importanti per l'acquisto e la manutenzione di attrezzature specifiche. Invece, possono beneficiare dei servizi offerti dai fornitori di stampa 3D industriale, pagando solo per i pezzi o i componenti prodotti.
 

Flessibilità produttiva: L'outsourcing nell'Additive Manufacturing consente alle aziende di adattarsi rapidamente alle fluttuazioni della domanda e alle esigenze di produzione specifiche, specie per ciò che concerne le produzioni in serie. Ciò significa che, quando ci sarà bisogno di aumentare la capacità di produzione o di produrre nuovi pezzi, sarà possibile fare affidamento sui fornitori esterni in modo da soddisfare tali requisiti senza dover investire in ulteriori risorse interne.


Risparmio di tempo: Da un lato le tecnologie tradizionali richiedono la realizzazione di tool di produzione che richiedono lunghi tempi di attesa, dall’altro l’Additive Manufacturing interno prevede un certo impegno di ore per la progettazione, la preparazione dei file e l'ottimizzazione dei parametri di stampa. L'outsourcing in materia di Additive Manufacturing consente alle aziende di risparmiare tempo prezioso delegando queste attività ai service. Ciò consente al management aziendale di concentrarsi sulle proprie competenze principali e accelerare i tempi di consegna dei prodotti finiti.
 

Innovazione e accesso a tecnologie avanzate: Collaborare con fornitori esperti in produzione additiva significa avere accesso a tecnologie e materiali all'avanguardia. I fornitori esterni spesso investono in ricerca e sviluppo per migliorare i processi di stampa 3D e introdurre nuove soluzioni. L'individuazione di questi fornitori offre alle aziende la possibilità di beneficiare di tali innovazioni senza dover investire risorse interne nelle fasi di sperimentazione e sviluppo.
 

Scopri come rendere più efficienti i processi produttivi attraverso l'utilizzo della tecnologia Additive Manufacturing. Scarica gratuitamente la nostra guida!

Il confronto tra i diversi metodi di approvvigionamento esterno nella stampa 3D industriale.

 

Stampa 3D

In merito all’outsourcing le scelte sono abbastanza ampie, oltre che in continua evoluzione.  Si parte dai sistemi standard, a cui sono ormai abituate molte aziende, che prevedono l’individuazione di uno stampatore 3D industriale (service) a seguito di uno scouting iniziale.  In altri casi intervengono soggetti terzi, come società di consulenza o studi di ingegneria, che fungono da intermediari per la ricerca e l’individuazione dell’azienda o delle aziende che dovranno occuparsi dello sviluppo delle produzioni additive. 
Un processo sicuramente lungo – in particolare per ciò che attiene alla fase di ricerca – con il rischio che la scelta cada su un produttore, precedentemente specializzato in sistemi sottrattivi, senza una consolidata esperienza nella stampa 3D industriale. 
Capita anche che la stessa azienda intenzionata a produrre in Additive Manufacturing possa fare l’azzardo di comprare direttamente le stampanti 3D per iniziare a realizzare i primi oggetti. Questo comporta il rischio di essere vincolati a una determinata tecnologia, teoricamente utile per un singolo progetto, ma già superata per altri, a fronte di investimenti importanti. 

Ci sono poi i marketplace digitali puramente transazionali, che hanno come primo obiettivo quello di vendere un servizio, lasciando però sguarniti alcuni aspetti focali quali il design ottimale e la qualità finale del prodotto che verrà realizzato, senza offrire cioè alcun servizio di advisory. 

Esiste fortunatamente un servizio completo: quello offerto dalla piattaforma digitale Madeinadd che risponde in pieno alle esigenze delle aziende. 

Perché Madeinadd va considerata come la scelta più efficace?


In questo caso si parte da un approccio completamente differente rispetto a quelli precedentemente elencati: l’azienda presenta il proprio progetto da realizzare, Madeinadd fornisce le risposte puntuali e al tempo stesso più vantaggiose per il committente.
 

Le fasi dell’approvvigionamento in base al metodo Madeinadd

- L’azienda intenzionata a stampare in 3D uno o più componenti carica il progetto sulla piattaforma digitale, specificando i requisiti che dovrà avere il prodotto finito, attraverso un apposito configuratore.
- Madeinadd proporrà la soluzione migliore in termini di tecnologia da utilizzare, materiali e design. Ciò si traduce in costi ottimizzati, riduzione dei tempi di gestione di tutti i processi per le quantità di pezzi richiesti. 
- Tra i vari aspetti Madeinadd provvede anche a ridisegnare il progetto del prodotto in funzione delle più appropriate tecnologie Additive.  
- L’eco-sistema di Madeinadd è completo, prevede infatti produzione, post processing e controllo qualità.
- Consegna: l’azienda riceverà il prodotto o i prodotti finiti, tutti validati, attraverso un servizio di logistica particolarmente affidabile e veloce.

New call-to-action